Translate

mercoledì 24 ottobre 2012

Vorrei andare oltre.

Il mio rifugio in questa terra è cinto da mura
non c'è roccia intorno, non c'è calcare
solo finestre con le sbarre, imbarazzanti,
sortiscono un effetto di prigionia e solitudine
uno scudo verso l'esterno,
uno schermo per l'interno.
Impazzisco dentro questo ostacolo
mi priva della vista e ostruisce la fantasia.
Mille leccornie oltre il confino,
vite, amori, morti, desideri e io qui
che non posso sedare la mia sete.
Ho sete di vita, quella vita oltre.
Oltre le sbarre, oltre i confini.
Raccatto quello che trovo
con lo sguardo, ma oltre non vedo.
Non vi è niente di nuovo, per me
nulla di emozionante, rinchiusa.
Confinata in un ambiente tutto mio
dal quale posso solo osare pensieri,
reclusa in un angolo del mondo
a sperare, immaginare, sognare.
Assediata dalla mia stessa vita.
Martorizzata dal mio stesso essere.
Vorrei, quanto vorrei andare oltre,
oltre le sbarre, oltre i confini,
via da questa prigione
che mi allontana dalla realtà,
sempre più, ogni giorno di più.
Delusa e amareggiata
vorrei andare oltre.

All rights reserved ©